NVIDIA-GeForce-GTX-1660Ti-monzapcblog

Nelle ultime settimane del 2018 varie indiscrezioni hanno indicato il possibile debutto di nuove schede video NVIDIA appartenenti alla famiglia GeForce GTX, sigla che si pensava abbandonata dopo il debutto delle nuove soluzioni GeForce RTX basate su architettura Turing. Quelle indiscrezioni si concretizzano quest’oggi con il debutto delle prime schede GeForce GTX 1660Ti, nome che lascia chiaramente intendere come questo prodotto sia posizionato da NVIDIA sopra le schede GeForce GTX 1060 da tempo in commercio.

A dispetto del nome in questi prodotti troviamo una GPU della famiglia Turing: nello specifico si tratta del modello TU116, basato su architettura Turing al pari delle soluzioni GeForce RTX ma che è sprovvisto di supporto a RT e Tensor Cores. Per questo motivo tale GPU non può accelerare le operazioni legate alle tecniche di Ray Tracing e più in generale servirsi delle specifiche caratteristiche dei RT e dei Tensor Cores per gestire le elaborazioni.

Nella tabella sottostante abbiamo riassunto le principali caratteristiche tecniche delle schede NVIDIA delle famiglie GeForce RTX e GeForce GTX. Come detto, il nuovo modello GeForce GTX 1660Ti è basato sull’architettura Turing dei modelli RTX ma senza però implementare alcune delle caratteristiche tecniche che rimangono peculiarità della famiglia RTX. Il numero di stream processors integrati è pari a 1.536, valore che è superiore ai 1.280 della scheda GeForce GTX 1060 ma inferiore ai 1.920 delle soluzioni GeForce GTX 1070 e GeForce RTX 2060. In termini di frequenze di clock i dati sono simili a quelli delle due schede appena menzionate, pari a 1.500 MHz per il base clock e un dato di boost clock che arriva sino a 1.770 MHz. Dal versante memoria troviamo 6 Gbytes con moduli GDDR6, per una bandwidth massima di 288 GB/s che è superiore ai 256 GB/s della scheda GeForce GTX 1070 e dei 192 GB/s di quella GeForce GTX 1060 ma inferiore ai 336 GB/s della scheda GeForce RTX 2060.

ModelloGeForce RTX 2080TiGeForce RTX 2080GeForce RTX 2070GeForce RTX 2060GeForce GTX 1080
GPUTU102TU104TU106TU106GP104
CUDA cores4.3522.9442.3041.9202.560
clock GPU1.350 MHz1.515 MHz1.410 MHz1.365 MHz1.607 MHz
boost clock GPU1.545 MHz
1.635 MHz (OC)
1.710 MHz
1.800 MHz (OC)
1.620 MHz
1.710 MHZ (OC)
1.680 MHz1.734 MHz
ROPs8864644864
TMU272184144120160
clock memoria14 Gbps14 Gbps14 Gbps14 Gbps10 Gbps
dotazione memoria11 Gbytes8 Gbytes8 Gbytes6 Gbytes8 Gbytes
bandwidth memoria616 GB/s448 GB/s448 GB/s336 GB/s320 GB/s
architettura memoriaGDDR6GDDR6GDDR6GDDR6GDDR5X
bus memoria352bit256bit256bit192bit256bit
alimentazione8pin+8pin8pin+6pin8pin8pin8pin
TDP250W
260W – FE
215W
225W – FE
175W
185W – FE
160W180Watt
ModelloGeForce GTX 1070GeForce GTX 1660TiGeForce GTX 1060 6GBGeForce GTX 1060 3GBGeForce GTX 1050TiGeForce GTX 1050
GPUGP104TU116GP106GP106GP107GP107
CUDA cores1.9201.5361.2801.152768640
clock GPU1.506 MHz1.500 MHz1.506 MHz1.506 MHz1.290 MHz1.354 MHz
boost clock GPU1.683 MHz1.770 MHz1.708 MHz1.708 MHz1.392 MHz1.455 MHz
ROPs64?48483232
TMU1209680804840
clock memoria8 Gbps12 Gbps8 Gbps8 Gbps7 Gbps7 Gbps
dotazione memoria8 Gbytes6 Gbytes6 Gbytes6 Gbytes4 Gbytes2 Gbytes
bandwidth memoria256 GB/s288 GB/s192 GB/s192 GB/s112 GB/s112 GB/s
architettura memoriaGDDR5GDDR6GDDR5GDDR5GDDR5GDDR5
bus memoria256bit192bit192bit192bit128bit128bit
alimentazione8pin6pin6pin6pin
TDP150Watt120Watt120Watt120Watt75Watt75Watt

Le specifiche tecniche della scheda GeForce GTX 1660Ti lasciano chiaramente intendere come con questa proposta sia possibile avvicinarsi di molto ai valori di cui è capace la proposta GeForce GTX 1070, restando però distanziata dal modello GeForce RTX 2060. Vedremo in seguito con i nostri test se queste stime verranno confermate dai dati rilevati con i giochi. NVIDIA non ha sviluppato per la GPU GeForce GTX 1660Ti una propria soluzione Founders Edition, lasciando in questo modo i propri partner liberi di sviluppare da subito propri design. Il prezzo consigliato per queste schede nel mercato nord americano è di 279 dollari tasse escluse, mentre per quello europeo è di 248€ IVA esclusa: se ne ricava un prezzo di 302,56€ nel mercato italiano con l’IVA al 22%.

Abbiamo ricevuto in redazione la scheda Gigabyte GeForce GTX 1660Ti Gaming OC 6GB, una proposta caratterizzata dall’utilizzo di un PCB custom e da un sistema di raffreddamento a tripla ventola della famiglia Windforce. Si tratta di una soluzione adottata da tempo da Gigabyte per le proprie schede destinate agli utenti più appassionati, che integra 3 ventole che entrano in funzione nel momento in cui la GPU supera la temperatura di 57° centigradi e che quindi restano ferme quando il sistema non viene utilizzato con applicazioni che richiedano l’intervento diretto della GPU. Le ventole ruotano in modo alternato, con le due laterali in senso antiorario a bilanciare quella centrale che ha rotazione oraria: tutte hanno diametro di 80 millimetri.

Il sistema di raffreddamento si sviluppa lungo tutto il PCB della scheda, spingendosi oltre così da aumentare ulteriormente la superficie dissipante lasciando spazio alle 3 ventole; la parte posteriore è completamente richiusa da una struttura di protezione in plastica che protegge la circuiteria dando una precisa connotazione di design alla scheda. Nella parte superiore trova posto il singolo connettore di alimentazione a 8 pin, sovrabbondante in considerazione del TDP dichiarato da NVIDIA in 120 Watt, mentre nel pannello posteriore Gigabyte ha installato un connettore HDMI e 3 Display Port. La scritta Gigabyte presente nella parte superiore, infine, è illuminata da dei LED che possono venir gestiti da sistema operativo attraverso l’utility RGB Fusion 2.0.

Consumi, rumorosità e temperature

Passiamo ora ad analizzare alcuni degli aspetti importanti nella valutazione di una scheda video: temperatura, rumorosità e consumi. Partiamo dal consumo, rilevato come sempre a monte dell’alimentatore: i watt indicati non sono quindi quelli delle sole GPU ma si riferiscono al sistema nel suo complesso.

Il dato a pieno carico della scheda Gigabyte GeForce GTX 1660Ti è contenuto, ben inferiore a quello della scheda GeForce GTX 1070 ma un poco più elevato rispetto a quello della scheda GeForce RTX 2060 in declinazione Founders Edition. Possibile che questo sia dovuto all’overclock di serie, oltre che alla complessità del sistema di raffreddamento e del PCB: come vedremo la scheda Gigabyte spinge la GPU a operare in modo stabile su valori ben superiori ai 1.770 MHz di boost clock indicati da NVIDIA per questo chip e questo ha ovviamente una ricaduta sui consumi a pieno carico.

Le 3 ventole del sistema WindForce adottato da Gigabyte per la scheda GeForce GTX 1660Ti si comportano molto bene, assicurando un funzionamento molto silenzioso anche durante l’esecuzione di un gioco. Ricordiamo come in idle le ventole siano ferme, con il blocco di dissipazione che gestisce in modo passivo il calore generato dalla GPU.

NVIDIA indica una frequenza di boost clock pari a 1.770 MHz per la scheda GeForce GTX 1660Ti, ma sappiamo come il clock effettivo della GPU quando vengono eseguite applicazioni 3D possa essere superiore. Così è con la scheda Gigabyte, che si posiziona stabilmente sopra i 1.950 MHz di clock effettivo senza apprezzabili variazioni.

L’elevata frequenza di clock della GPU non ha dirette ricadute sulla sua temperatura di funzionamento, grazie al sistema WindForce implementato da Gigabyte: la GPU si stabilizza sotto pieno carico a meno di 65° centigradi, valore di assoluta sicurezza.

Configurazione di test – metodologia di analisi

I test sono stati condotti alle risoluzioni video di 1920×1080 pixel, 2.560×1.440 pixel e 3.840×2.160 pixel, cercando sempre di utilizzare impostazioni qualitative molto spinte. Di seguito le schede video che sono state inserite all’interno di questo confronto:

  • NVIDIA GeForce RTX 2080Ti (Founders Edition)
  • NVIDIA GeForce RTX 2080 (Founders Edition)
  • NVIDIA GeForce RTX 2070 (MSI Armor)
  • NVIDIA GeForce RTX 2060 (Founders Edition)
  • NVIDIA GeForce GTX 1080Ti (Founders Edition)
  • NVIDIA GeForce GTX 1080 (Founders Edition)
  • NVIDIA GeForce GTX 1160Ti (Gigabyte)
  • NVIDIA GeForce GTX 1060 6G (Founders Edition)
  • NVIDIA GeForce GTX 1060 3G (Zotac)
  • AMD Radeon VII (reference board)
  • AMD Radeon RX Vega 64 (reference board)
  • AMD Radeon RX Vega 56 (reference board)
  • AMD Radeon RX 590 (Sapphire)
  • AMD Radeon RX 580 (MSI)
  • AMD Radeon RX 570 (Asus)

Il sistema utilizzato nei test vede processore Intel Core i9-9900K, 16 Gbytes di memoria di sistema DDR4-3200 e scheda madre con chipset Intel Z370.

  • Sistema operativo: Windows 10 Pro inglese
  • SSD: Samsung 960 EVO 512GB
  • Driver video NVIDIA GeForce 417.71 WHQL
  • Driver video NVIDIA GeForce 418.91 beta (GeForce GTX 1660Ti)
  • Driver video AMD Win10-64Bit-Radeon-Software-Adrenalin-2019-Edition-Press-Jan22
  • Alimentatore: CoolerMaster Silent Pro Gold 1200 Watt
  • Scheda madre: MSI Z370 Tomahawk
  • Memoria: 2x8Gbytes DDR4-3600 (16-16-16-36 2T)

Di seguito i titoli inseriti nel confronto

  • Hitman 2
    impostazioni Extra e Ultra; rilevazione test GPU; Dynamic Sharpening moderato; bench scene Miami; HDR off
  • Deus Ex Mankind Divided
    impostazioni qualitative al massimo, DX12
  • Middle Earth: Shadows of War
    qualità ultra
  • Far Cry 5
    qualità Ultra
  • Tom Clancy’s The Division
    qualità ultra, DX12
  • Ashes of the Singularity: Escalation
    qualità estrema, DX12
  • F1 2018
    qualità altissima
  • Crysis 3
    qualità massima, SMAA medio
  • Battlefield 5
    qualità ultra, DX12
  • Shadow of Tomb Raider
    qualità massima, DX12
  • Forza Horizon 4
    qualità ultra, DX12
  • Metro Exodus
    qualità ultra

Benchmark con giochi

Di seguito riportiamo i risultati prestazionali ottenuti con i giochi alle risoluzioni di 1920×1080 pixel, 2.560×1.440 pixel e 3.840×2.160 pixel; le impostazioni qualitative utilizzate sono tendenzialmente molto spinte, cosa che può rappresentare un collo di bottiglia addizionale per le schede video che sono dotate di poca memoria video onboard soprattutto alla risoluzione più elevata.

Analizzando le prestazioni della scheda Gigabyte GeForce GTX 1160Ti alle 3 risoluzioni di test emerge un comportamento molto valido a quella Full HD di 1.920×1.080 pixel: i frames al secondo generati sono sempre tali da assicurare un comportamento fluido, pur con impostazioni qualitative che sono particolarmente spinte.

Salendo a 2.560×1.440 pixel e soprattutto alla risoluzione 4k emergono i limiti di potenza di calcolo di questa GPU, non in grado di assicurare frames al secondo sufficienti a garantire adeguata giocabilità. Il posizionamento di prezzo di questo prodotto, del resto, non ci deve far pensare diversamente: si tratta di una scheda di fascia media, proposta quale upgrade della scheda GeForce GTX 1060 e dei modelli GeForce GTX 960 di precedente generazione che ancora sono presenti in numerosi sistemi di videogiocatori appassionati.

Se riparametriamo i risultati medi ottenuti con le schede in prova alle varie risoluzioni di test abbiamo un quadro complessivo che meglio permette di capire come si posizionino le schede video una a confronto con l’altra. GeForce GTX 1660Ti ottiene un risultato medio molto vicino a quello della scheda GeForce GTX 1070, venendo distanziata mediamente di circa il 6% alle 3 risoluzioni di test. Si tratta di un risultato decisamente valido, soprattutto tenendo conto della differenza di prezzo: per la scheda GTX 1660Ti parliamo di 300€ IVA inclusa, cifra inferiore di almeno 100€ rispetto a quanto richiesto per le schede GeForce GTX 1070 al momento attuale. Nel confronto con la scheda AMD Radeon RX Vega 56 abbiamo uno scenario simile: prezzo comparabile a quello della scheda GeForce GTX 1070 e prestazioni medie che in questo caso sono più elevate di circa il 6%.

Nel confronto con la scheda AMD Radeon RX 590 le prestazioni della nuova arrivata sono superiori di circa il 12% quale media, con un costo che è più elevato di circa 30€; prendendo la scheda GeForce GTX 1060 da 6Gbytes il divario di prezzo diventa più ampio ma il balzo in avanti in termini prestazionali è ben più consistente. Ne emerge un posizionamento di prezzo, per le schede GeForce GTX 1660Ti, che è corretto rispetto a quanto offerto dalle altre proposte NVIDIA e AMD presenti in commercio. Resta ora da vedere quali dinamiche di prezzo si metteranno in moto nei prossimi giorni con il debutto commerciale di queste schede: tutti i partner di NVIDIA sono pronti a presentare proprie schede, alcune delle quali caratterizzate da overclock di serie e varie ottimizzazioni a livello di design e sistemi di raffreddamento.

La proposta  GeForce GTX 1660Ti Gaming OC 6GB si è ben comportata nel corso dei nostri test. Il design del sistema di raffreddamento è stato utilizzato nella gamma di schede video dell’azienda taiwanese in molti modelli del passato e si è sempre ben comportato In questa versione si conferma capace di ben raffreddare la nostra scheda, mantenendo un profilo di funzionamento silenzioso anche a pieno carico nonostante l’overclock di serie e le frequenze effettive molto elevate raggiunte dalla GPU durante l’uso.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome