monzapcblog_GoogleChat

Gli SMS torneranno in auge o almeno è quello che si augura Google che ha deciso di introdurre un nuovo protocollo comunicativo denominato Rich Communication Services (Rcs) capace di trasformare i vecchi SMS in nuovi metodi di comunicazione 2.0 pronti a sfidare i più grandi del momento come WhatsApp ma anche Telegram e iMessage. I nuovi messaggi di Google permetteranno di inviare contenuti multimediali come immagini, documenti e video proprio come accade oggi nelle chat dei più importanti sistemi di messaggistica online.

Google e gli SMS 2.0: ecco come cambiano

I nuovi protocolli degli SMS di Google sono stati già introdotti in Francia e Regno Unito. In questi paesi, gli operatori, supportano già il nuovo protocollo degli SMS 2.0 e permettono dunque di avere dei veri e propri strumenti di comunicazione maggiormente interattivi e soprattutto più ricchi. In questo caso l’espansione dei nuovi SMS con Rcs verrà ampliata al resto d’Europa nei prossimi mesi e verrà lanciata addirittura una nuova applicazione denominata “Chat” che permetterà appunto di utilizzarli.

Non è la prima volta che Google cerca di contrastare il monopolio delle chat di messaggistica. WhatsApp è al momento il sistema più utilizzato al mondo e difficile sarà il compito da parte di Google nel poter offrire e conquistare gli utenti. I precedenti non sono andati per nulla a favore dell’azienda di Mountain View che ha abbandonato i progetti ma ora con gli SMS 2.0 si giocherà una carta diversa sperando che chiunque usava i classici SMS possa tornare a farlo anche ora che saranno più performanti.

Tecnicamente il Rich Communication Services, denominato più semplicemente Chat, apparirà in tutti gli smartphone Android e sarà un’applicazione a se stante capace appunto di inviare e ricevere messaggi con contenuti multimediali in modo del tutto gratuito. Svolgerà il medesimo compito che ad oggi realizzano sia WhatsApp che Telegram, per citare i più utilizzati. Chat si avvicinerà ancora di più ad iMessage di Apple ed è proprio dal servizio del colosso di Cupertino che Google ha deciso di partire per sviluppare i propri SMS 2.0. In questo caso la volontà di Google è quella di rendere semplice e soprattutto immediato il poter inviare e ricevere messaggi proprio come avveniva un tempo con gli SMS.

Google deve però rendere sicuri questi SMS 2.0. Al momento infatti non hanno implementato ancora la crittografia end-to-end che ricordiamo risulta essere ormai uno standard imprescindibile per gli utenti e presente nei sistemi della concorrenza. Proprio su questo, l’azienda di Google, sta investendo molto prima del lancio ufficiale nel resto d’Europa e nel mondo. Si cercherà probabilmente di trovare la soluzione prima del suo rilascio in modo tale da permettere agli utenti di avere l’applicazione completa e non dover attendere poi futuri aggiornamenti pregiudicando l’utilizzo prima di essi.

Banner-Telegram-06

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome