YouTubeDoppioTap_160

YouTube ha comunicato la decisione di intraprendere azioni più severe per prevenire episodi di pedofilia con la rimozione dei commenti nei video che ritraggono minorenni. Il portale di video-sharing ha infatti spiegato sul proprio blog ufficiale che intende sospendere i commenti in quei video che vede protagonisti minori che possono essere a “rischio di tentativi di adescamento”. YouTube ha inoltre precisato che solamente un piccolo numero di autori e creatori di video potranno mantenere abilitata la sezione dei commenti su video che ritraggono minori.

“Questi canali dovranno moderare attivamente i commenti, oltre l’uso dei nostri strumenti di moderazione, e dimostrare un basso rischio di attrarre tentativi di adescamento. Lavoreremo direttamente con loro, e il nostro obiettivo è quello di far crescere questo numero nel corso del tempo, con il miglioramento della nostra capacità di individuare commenti in violazione delle norme” si legge nel blog ufficiale di YouTube.

La misura si è resa necessaria dopo che nelle scorse settimane è stata sollevata una problematica concreta, quando un utente ha dimostrato come usando una determinata chiave di ricerca si giunga su video del tutto normali, ma tramite l’algoritmo dei video correlati sia molto facile incappare in contenuti apparentemente innocui, ma nei cui commenti vengono scambiati spezzoni di questi contenuti ritraenti minori in pose equivoche e altre informazioni di matrice pedofila. Il problema è che una volta incappati in questi video, l’algoritmo continua a proporre contenuti simili, accomunati dal medesimo problema.

Ovviamente in alcuni di questi video vi sono le normali inserzioni pubblicitarie erogate dalla piattaforma di advertising di YouTube, e la situazione ha spinto numerosi inserzionisti (tra cui alcuni pesi massimi come Nestlé, Disney, Epic Games, solo per citarne alcuni) a ritirare le proprie pubblicità da YouTube per ragioni facilmente comprensibili.

La risposta di YouTube alla situazione è stata quella di disabilitare temporaneamente i commenti su decine di milioni di video con minori e cancellando centinaia di canali. L’azione ha inevitabilmente coinvolto anche video e canali del tutto leciti, sollevando il malumore di creator e vlogger che principalmente condividono scene di vita familiare.

YouTube ha contemporaneamente comunicato il lancio di un nuovo classificatore di commenti che dovrebbe essere in grado di riconoscere in maniera più efficace i commenti problematici ed eliminarli.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome